<?php the_title();?>

Nebrolat è la storia di Angela, animo determinato e spirito imprenditoriale. Ed è la storia di Mariano, cresciuto in una famiglia di mastri casari. E soprattutto è la storia del loro incontro, di una scintilla creativa che li spinge a intraprendere un percorso singolare nel settore caseario. Partendo da zero, forti del sapere antico tramandato dalla famiglia di Mariano e delle idee coraggiose di Angela.

Tutto comincia con Nonno Mariano, pioniere dell’arte casearia. Intorno agli anni Cinquanta, il figlio Francesco decide di ampliare l’attività del padre, e si prende cura di mantenere l’artigianalità dei prodotti. Più tardi nasce il piccolo Mariano, che ha il nome del nonno, e piano piano ne eredità le abilità: cresce fianco a fianco con prestigiosi mastri casari, e dentro di lui si fa largo l’idea di continuare l’attività di famiglia con un’attitudine più moderna.

Questa idea si trasforma in realtà quando Mariano conosce Angela, che diventerà la donna della sua vita e la sua brillante socia in affari. Angela, cresciuta a contatto con la natura, coltiva da sempre una naturale inclinazione verso il commercio: da bambina aiuta la nonna nella raccolta degli agrumi, ed è sempre in prima linea nella vendemmia e nella bacchiatura delle olive.

Già a otto anni svela un’attitudine da imprenditrice: inseparabile dalla nonna, la aiuta nella vendita dei prodotti al mercato. Con la sua copia commissioni sempre a portata di mano, giovanissima diventa promoter per note aziende nel campo del food e del benessere, e dimostra le sue abilità da venditrice a famiglia e amici.

Crescendo, Angela matura sempre maggiore esperienza, ma resta legata alla semplicità che ha contraddistinto la sua infanzia. L’incontro con Mariano è una scintilla creativa: insieme capiscono che il loro non è solo un legame affettivo, ma la fortunata combinazione fra un innato talento imprenditoriale e una vasta esperienza nel settore caseario.

Ricordo una foto in bianco e nero di Mariano bambino, con i calzoni corti, dentro la bottega della nonna. Era ritratto sorridente sotto una mensola sulla quale erano appoggiate le provole dei Nebrodi. Quella foto, per me, rappresenta il presagio del nostro futuro.  — Angela

 

Così, nel 2002 Mariano si stacca dall’azienda di famiglia e decide di dedicarsi esclusivamente alla produzione di formaggi tipici del territorio siciliano. E nel 2004, a Santa Domenica Vittoria, piccolo paesino a 1200 metri nel cuore del Parco dei Nebrodi, Angela e Mariano fondano la loro azienda. Nebrolat è il frutto di un legame con il territorio siciliano, e del felice incontro fra radici solide e idee che portano lontano.

Ancora oggi, come a casa di nonno Mariano, il latte viene acquistato dai piccoli produttori del territorio dei Nebrodi, fornitori storici dell’azienda, secondo una vendita diretta. La filiera del latte è il valore aggiunto di Nebrolat, la garanzia della genuinità di formaggi fatti come una volta.

Mariano mette in campo giornalmente la propria expertise nella produzione casearia e si impegna nel migliorare costantemente la qualità dei prodotti Nebrolat, mentre Angela cura l’aspetto commerciale e d’impresa. È proprio Angela la mente creativa dietro i nomi accattivanti dei formaggi Nebrolat.

Pecoricco, Pistaricco, Ricottosa hanno il sapore di un tempo e un’anima contemporanea. Per questo i prodotti di Angela e Mariano sono richiesti anche dalla grande distribuzione. Oggi Nebrolat è una realtà in crescita, che ha ancora le radici ben salde nel proprio territorio: la Sicilia. Una terra che Angela e Mariano hanno deciso di omaggiare con la loro passione.